La conservazione domestica del gelato

Sentiamo la necessità di fare chiarezza su quest’argomento visto le ripetute incertezze e domande poste da vari clienti.

Molti incerti su come conservarlo lo buttano via dopo qualche giorno o anche solo se avanza, in ogni caso la paura più comune è che vada a male dopo pochi giorni dall’acquisto, anche se riposto in congelatore (ovviamente).

Il gelato, si è vero, è un alimento altamente deperibile, ma solo se lasciato a temperatura ambiente (cosa che non andrebbe mai fatta) per lungo periodo, solo in tal caso può sviluppare una carica batterica patogena e pericolosa per il nostro organismo.

Invece se lo conserviamo correttamente nel congelatore di casa, può durare a lungo, anche sei mesi.

coppa gelato

Tuttavia la maggior parte noterà che il giorno dopo l’acquisto il gelato si presenterà “duro e compatto”, pensando che sia un difetto dello stesso o un sinonimo di scarsa qualità, a volte viene buttato nei rifiuti.

Vogliamo precisare che la compattezza che il gelato assume dopo essere stato conservato nel congelatore domestico è dovuta solo ed unicamente alla differenza di temperatura rispetto alla vetrina della gelateria.

A casa il congelatore arriva a -18 °C mentre in gelateria la temperatura di stoccaggio in esposizione è di mediamente -14 °C. Ovvio che risulterà più “morbido”, in quanto deve essere possibile “spatolarlo” per poter servire la clientela (coni, vaschette e coppette), se fosse duro come a casa non si potrebbe servirlo agevolmente.

Quindi state assolutamente tranquilli se vi dovesse avanzare il gelato che avete in vaschetta.

Il consiglio che possiamo offrirvi per avere un gelato morbido anche i giorni seguenti all’acquisto è di toglierlo anticipatamente dal congelatore, lasciarlo chiuso nella vaschetta di polistirolo, mentre si ammorbidisce pian piano fino alla consistenza desiderata per poterlo gustare al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *